Lega-lità

17 10 2010

 

.."sembri un playmobil"..

 

In questi giorni a Milano è stata sgomberata la Bottiglieria Okkupata di via Savona. Se qualcuno fosse per caso passato da quelle parti nei giorni dello sgombero e della successiva occupazione del tetto da parte di un gruppetto di ragazzi avrebbe assistito a uno spettacolo inquietante. Centinaia di elementi delle forze dell’ordine dispiegati a presidiare la zona, quattro vie di fatto interdette al traffico, linea 14 del tram interrotta, camionette e mezzi semiblindati a profusione. Il senso di questo mio post non vorrebbe essere nè sulla singola vicenda in sè, nè sul costo stupido di una simile operazione, un po’ perchè avevo già espresso la mia opinione in merito alla vicenda del Cox e un po’ perchè mi pare superfluo. Proverei piuttosto ad alzare lo sguardo e a vedere cosa accadrà in futuro. Mi pare evidente che al centro di questa operazione, così come di altri sgomberi, ci sia un disegno politico. Vediamo perchè, e ditemi quanto mi sbaglio. La campagna elettorale che partirà ufficialmente fra un mese circa (a primarie del pd fatte) e vedrà in palio la poltrona di Palazzo Marino è forse una delle più difficili per il (centro)destra lombardo degli ultimi tempi. La Moratti non ha fatto bene, e riproporne la candidatura ha costretto il pdl a numerosi equilibrismi. Primo fra tutti, quello nei confronti della Lega. Il sindaco uscente non è stato particolarmente amato neppure all’interno del suo schieramento. Con il suo record di assenze da Palazzo Marino, e con tutte le difficoltà che ciò ha comportato (si pensi solo alla trafila per l’approvazione dell’ultimo bilancio, fallita più volte per le assenze della maggioranza, che ha messo Milano a un passo da una gestione controllata), non si è fatta ben volere dagli esponenti locali della sua parte. Più interessata alle dinamiche romane che a quelle lumbard, ha dovuto faticare molto per essere di nuovo il volto del pdl in corsa. Cosa abbia promesso alla Lega non si può sapere per certo, cosa Moratti debba al pdl neppure. Considerando anche i grandi temi che sono sul tavolo nei prossimi mesi: da expo al cambio di molte poltrone ai vertici della sanità meneghina. Insomma, terreno per ricambiare i favori ce n’è. Tutto questo per dire che appare una candidatura vulnerabile come poche io ne possa ricordare in tempi recenti. Ci sono dei lati deboli, che un candidato di sinistra ragionevolmente intelligente e capace potrebbe andare a colpire: la vicenda dei terreni di Expo (che non crediamo sia risolta con una firma approntata giusto per i commissari internazionali..fra pochi giorni saremo punto e capo), gli scandali che per un periodo hanno fatto temere l’incedere di una nuova tangentopoli (Milko Pennisi, per dirne una), l’evidente difficoltà nell’uscita dalla crisi economica. Insomma, di scheletri nell’armadio Moratti ce ne sono da attacare. Magicamente, allora, ecco che riappare il tema tanto caro alla destra italiana e lombarda in particolare, sempre più Lega-fila più per esigenza e necessità forse che per amore. Ecco il tema della legalità. Ed ecco la mossa: quando il tema non si presenta da sè per una via Padova qualsiasi o per una serie di stupri rigorosamente ad opera di immigrati clandestini, il tema lo si suscita e lo si inquadra. A farne le spese sono stati, nell’ordine, i nomadi di Rubattino prima dell’estate, quelli del Triboniano subito dopo. E ora i ragazzi dei centri sociali o affini. Per rimettere al centro dell’attenzione il problema della legalità. Non a caso il vicesindaco De Corato ha accolto le varie operazioni con dichiarazioni fotocopia, con la stessa frase di giubilo: abbiamo riportato la legalità, grazie al Prefetto e al Questore. E ora via con gli altri…più o meno sempre così. Ora, il problema è grave. Lo spettacolo di via Savona, trasmesso in tv, non può che toccare uno spettatore comune. Lo spiegamento di forze stile Beirut non può che convincere una persona che sia necessario intervenire drasticamente. Quello che spero, è che il terreno della campagna elettorale non si impregni nuovamente di questo odore stantio, che è quello della lotta per chi mostra di più i muscoli e che fa sentire falsamente più al sicuro la propria cittadinanza. Il tentativo in atto è proprio quello. Suscitare un diverso (come dice Marc Augè ne Il senso degli altri) per farne un nemico (i centri sociali) laddove il diverso canonico al momento non dà la possibilità di essere attaccato (i rom o gli immigrati, per mancanza di motivi di cronaca), riporta ancora una volta la discussione pubblica sui binari preferiti, permette di lanciare i cavalli vincenti (dando fra l’altro un’immagine estera di rilievo). La speranza è che l’interlocutore non stia a questo gioco. Chiunque uscirà dalle urne delle primarie, dovrà mostrare un passo diverso, e non cadere in questa ennesima provocazione.





Cartoline dai container

24 03 2010

Riprendo oggi aggiornamenti dopo tanto tempo. Me ne scuso con mia madre, più o meno unico utente..

A farmi imbestialire è un’ansa che ho appena letto.

Cartellone – o cartone – di protesta a quasi un anno dal terremoto

Mentre questa mattina il Manifesto metteva in prima pagina una bella foto di dipendenti della Protezione Civile, impiegati nell’azione urgente di distribuire volantini elettorali per conto del Pdl, nel pomeriggio arriva una nuova notizia di argomento simile.

La regione Umbria ha deciso di citare in giudizio il Pdl dell’Aquila per falso a danno della regione Umbria. Il motivo?

Quei simpatici che hanno organizzato la campagna elettorale non hanno trovato niente di meglio da fare che fare una bella pubblicità comparativa.

Da una parte, una foto di terremotati in un container, con la scritta Umbria e Marche 1997 – Governo Prodi. Ad oggi container per le famiglie.

Dall’altra parte invece ci sono foto di casette antisismiche e la frase  Abruzzo 2009 – Governo Berlusconi. Ad oggi case antisismiche per le famiglie.

Al di là del fatto che, come denuncia la portavoce della presidente umbra Maria Rita Lorenzetti, la foto associata al governo Prodi è vecchia di dieci anni. Al di là del fatto che Ad oggi, più di 5mila sfollati risiedono ancora negli alberghi della costa abruzzese (e questo ve lo dico io).

Al di là di tutto ciò. Ma vi pare, cari amici del Pdl, una cosa normale mettere in bella mostra la sfiga di quella gente per bearsi di falsi miracoli? Evitare grazie