Moratti, programma a pedali

21 04 2011

Quasi dodicimila parole, 31 pagine…

ecco il programma della Moratti in estrema sintesi…si rimanda a quello di Pisapia per un confronto visivo…

Ora..entrare nei dettagli del programma del sindaco uscente sarebbe bello..già linkiesta l’ha fatto su un tema molto caldo, quello dell’housing, facendo riferimento al famoso libro dei “cento progetti realizzati” dall’amministrazione negli ultimi cinque anni..

Come assaggio, e torno invece al programma che la Moratti ha proposto per i prossimi 5 anni, si può andare a vedere quanto riportato a proposito di un tema molto caro alla giunta..il bike sharing, cavallo di battaglia in fase di campagna elettorale insieme al più ampio discorso della mobilità..

Nel programma, al punto e) del paragrafo 6) del capitolo “contro l’inquinamento” – pagina 16 del .pdf linkato – si legge:

“Bike-Mi: il Bike-Sharing già entro il 2012 arriverà a 200 stazioni e 3.600 bici disponibili e proseguirà arrivando a circa 300 stazioni e 5.000 biciclette”

Effettivamente guardando il sito del servizio Bike-Mi, tra le ultime news c’è l’inaugurazione di due nuove stazioni in via Paolo Sarpi, di recente oggetto di una serie di lavori. Se ne parla come le stazioni 187 e 188 “nell’ambito del progetto di espansione del servizio che porterà Milano a dotarsi di 200 stazioni e 3.650 bici” (anche se c’è da notare che nell’elenco completo delle stazioni si trovano 109 rastrelliere, perchè poi dalla numero 105 si passa alla 188…)

Tutto questo, però, per dire cosa? Che nel dicembre 2008 l’obiettivo fissato dal sindaco per il 2009 era di raggiungere le 350 rastrelliere (quindi più del doppio di quelle installate a metà 2011). Il tutto in un contesto di difficile raccolta fondi (Clear Channel che gestisce il servizio ha chiesto 3 milioni che il Comune non ha ancora sbloccato) per un servizio che è stato più che apprezzato dai cittadini, visto il numero di abbonamenti.

Non resta che pedalare…

Annunci