Sarà meglio ora?

15 02 2010

Un problema trigonometrico, risolvibile con l'applicazione delle TANGENTI

Cicchitto ha dichiarato – riporto da Ansa: «Su un punto assai importante gli attuali episodi di corruzione si collocano in un contesto assai diverso da quelli di tangentopoli del ’92-’94. Tangentopoli era un sistema fondato sul rapporto collusivo fra le grandi imprese e i partiti, tutti i partiti, che attraverso quel meccanismo finanziavano in modo irregolare se stessi e le correnti. In quel contesto ci furono anche episodi di corruzione personale. Oggi non c’è più nessun sistema, i partiti sono molto più ‘leggerì e hanno il finanziamento pubblico per cui gli episodi che avvengono derivano fondamentalmente da corruzione personale e basta». Come a dire…meglio ora che allora. Ma siamo proprio sicuri? Siamo sicuri, soprattutto viste la vastità e la profondità di livelli alle quali si estendo le collusioni fra industria, politica, poteri vari? E poi, l’agire per il tornaconto esclusivamente personale, è un segno distintivo di una statura morale superiore? Soprattutto alla luce del fatto, come lui stesso afferma, che i finanziamenti ai partiti, quelli che mancavano e generavano il bisogno di tangenti, ora sono statali, cioè tangenti legalizzate? E ancora, alla luce della pochezza mostrata in quei pochi ambiti nei quali la classe dirigente di un tempo se non altro mostrava una sorta di spina dorsale? Non sto a fare della retorica nostalgica e fine a sè stessa. Ma mi stanno venendo dei forti dubbi sul fatto che sia proprio megli ora di allora…

Annunci